Progetto educativo

Progetto educativo




PREMESSA

La scuola Paritaria “ San Faustino “ composta dalla Scuola dell’Infanzia e dalla Scuola Primaria, trae la propria ispirazione dal carisma di Madre M. Luisa Zauli, fondatrice dell’istituto delle Suore Francescane dell’Immacolata.
Nel 1923-24 ella ebbe dall’arcivescovo di Modena esplicita richiesta di aprire una scuola Materna denominata “ Gesù Bambino ” nella deserta villa a San Faustino e, nel 1963, nello stesso edificio, si aprì la scuola elementare “ San Francesco ”.
Tale Scuola, in un primo tempo privata, dopo un breve periodo, ottenne dal Ministero della Pubblica Istruzione la parifica ai sensi giuridici.
Dal 1990 questo Istituto, essendo stato ceduto alla Parrocchia dei Ss. Faustino e Giovita Martiri, svolge il suo servizio all’interno del territorio parrocchiale ed è gestito dal parroco, che ne garantisce la qualità di scuola libera e cattolica.
Nell’anno 2000 l’Istituto ha ottenuto il riconoscimento giuridico paritario, secondo la legge 62/2000, che ha unificato la Scuola portandola ad un’unica intitolazione in Scuola Paritaria “ San Faustino “ Infanzia e Primaria.



1- RUOLO ISTITUZIONALE

Il nostro Istituto avendo adempiuto a tutti gli obblighi normativi richiesti dal Ministero della Pubblica Istruzione è entrato a far parte, a tutti gli effetti, del sistema scolastico nazionale.

PROGETTO EDUCATIVO D’ISTITUTO
Il nostro Istituto trova la ragione del proprio esistere come Scuola libera e Cattolica :

o nella MISSIONE di evangelizzazione e di promozione umana della Chiesa che considera la Scuola strumento privilegiato per il compimento della sua missione salvifica;

o nel DIRITTO, sancito dalla Costituzione, di tutti i cittadini alla libertà di educazione e nel loro dovere di contribuire alla formazione di una società più libera e più giusta;

o come RISPOSTA alla legittima richiesta di luoghi educativi, con un progetto di uomo e di società coerente con la loro scelta di fede, da parte di genitori ed educatori credenti;

o nella propria TRADIZIONE pedagogica, che fin dalle origini ha visto nell’opera culturale ed educativa, uno dei principali strumenti di promozione umana e di formazione alla fede dei ragazzi;

Il nostro Istituto, sulla base di una precisa scelta evangelica, offre il proprio servizio a tutti:
• alle famiglie che hanno fatto una precisa scelta di fede cristiana;
• alle famiglie che sono comunque disponibili ad accettare il messaggio evangelico per un cammino di crescita;
• alle famiglie che, semplicemente, stimano e rispettano il nostro Istituto per la valida formazione educativa e culturale che esso esercita.

Tenendo conto che nella Scuola dell’Infanzia il bambino vive ed elabora le sue personali esperienze in un sistema di rapporti interattivi con le altre istituzioni ad essa contigue, è necessario che la scuola di base si ponga in continuità nel costruire un percorso formativo che abbia caratteri di:
• LINEARITA’ perché segna una linea di sviluppo continuo e coerente
• GRADUALITA’ per tenere puntualmente conto dei ritmi di crescita
• UNITARIETA’ per orientarsi verso finalità comuni

La continuità pedagogica nasce da un progetto educativo unitario che ha al suo centro il bambino, soggetto dell’educazione e dell’apprendimento, per il quale ci si adopera allo sviluppo delle sue potenzialità e alla crescita delle varie componenti della personalità (intelligenza, affettività, espressività, corporeità, spiritualità).
In base a queste primarie finalità si strutturano successivamente gli obiettivi, i contenuti, le metodologie d’intervento e i sistemi di verifica, in rapporto alle varie età ed alle caratteristiche delle singole discipline.
Il progetto educativo deve risultare unitario, ma non privo di articolazione interna poiché ogni età ha le sue caratteristiche, le sue modalità di apprendimento, i suoi sistemi relazionali (egocentrismo, dinamiche affettive, capacità logiche, …)
Di qui derivano i gradi scolastici, ognuno dei quali possiede una specificità in rapporto al soggetto che deve educare.
Gli interventi che già si attuano nella nostra scuola di base, ai fini della continuità educativa e didattica durante il passaggio tra grado e grado, si strutturano attraverso differenti progetti.


2- IDENTITA’ E SPECIFICITA’

In ogni società in rapido e profondo cambiamento si fanno ogni giorno più urgenti le esigenze di istruzione e di educazione dei ragazzi e dei giovani; per questo il nostro Istituto si propone di concorrere alla formazione integrale della persona, dando vita ad una comunità scolastica a cui partecipano insieme insegnanti, alunni e famiglie con lo scopo di elaborare progetti di vita aperti alla speranza e ai valori cristiani ed umani autentici, propri di un luogo in cui si fa ricerca sistematica e critica della verità.

CONCETTO DI PERSONA
Riconoscendo valido il concetto di persona espresso nella premessa del P.E.C.U.P., la comunità di questo Istituto considera, inoltre ogni alunno come essere unico ed irripetibile, e capolavoro di Dio, cioè persona da amare e rispettare per renderlo capace, a sua volta, di collaborare ed amare in una crescita costante, con l’intento di promuovere il suo sviluppo integrale nell’ottica della maturazione globale della persona, sotto il profilo religioso, umano e culturale.
I ragazzi dovranno acquisire:
• una solida conoscenza morale, socio-affettiva e civile, in una prospettiva ispirata ai principi cristiani ed universali della fratellanza, della lealtà, dell’onestà, della condivisione e della solidarietà;
• la capacità di decidere ed operare le proprie scelte in modo consapevole e responsabile;
• la capacità di partecipare alla vita sociale e svolgere, secondo le proprie scelte ed inclinazioni, un’attività ed una funzione che concorrano al progresso spirituale e materiale della società;
• autonomia, capacità critica ed un metodo efficace nello studio;
• l’indispensabile strumentalità di base per continuare il percorso formativo nelle scuole del grado successivo.

CONCETTO DI EDUCAZIONE
In tale contesto si intende valorizzare sia il percorso individuale che le situazioni di gruppo nel rispetto delle storie e dei contributi personali di ciascuno.
Aspetti e momenti delle situazioni educative:
• L’incontro vivo e vitale con la realtà;
• l’assimilazione “sistematica “ e “ critica “ della cultura; 
• la ricerca del senso della vita;
• la formazione integrale della persona, attraverso l’attenzione a tutti gli aspetti della vita e dell’esperienza personale e sociale, con particolare attenzione all’aspetto religioso;
• l’attenzione particolare ai soggetti bisognosi e ai soggetti in situazioni di handicap;
• l’attenzione a coltivare una cultura della pace, valorizzando l’originalità ed il confronto di ogni espressione culturale e religiosa;
• l’attenzione ai rapporti interpersonali che si sostanzia dello “spirito di comunità” e al tempo stesso, dell’attenzione alla singola persona.


3- SOGGETTI COINVOLTI

La Comunità Educante, costituita da tutti coloro che partecipano alla vita della Scuola (alunni, docenti, genitori, personale non docente e collaboratori), è il centro propulsore e responsabile di tutta l’esperienza educativa e culturale, in un dialogo aperto e continuo con la Comunità Ecclesiale in cui è e deve sentirsi parte viva.
Essa deve caratterizzarsi per:
• lo stile evangelico;
• il riferimento alla concezione cristiana dei valori espressi in serenità e letizia;
• la disponibilità;
• l’accoglienza;
• il dialogo;
• un clima di famigliarità umanamente e spiritualmente ricco;
• i rapporti interpersonali sulla linea della carità e della libertà.

ALUNNI 
Gli alunni sono protagonisti e primi destinatari di tutta l’opera educativa.
La Comunità Educante deve perciò individuare forme e spazi, anche nuovi, che rendano la loro partecipazione reale e coerente con i criteri di comunione cui la Scuola Cattolica aspira.
“Ad essi si chiede anche di cooperare all’azione educativa, esprimendo rispetto e gratitudine per quanti operano nella scuola.”
Il nostro Istituto considera importante tenere vivi i rapporti con gli ex alunni che rappresentano una continuazione e insieme una verifica del Progetto Educativo che ha guidato la loro formazione.

DOCENTI 
Per una valida educazione umana e cristiana dei nostri alunni è fondamentale l’opera degli insegnanti e degli operatori, sia religiosi che laici.
Essi devono esprimere:
- una scelta di fede, che orientando ed alimentando tutto il servizio professionale, diventa testimonianza cristiana;
- consapevole senso dell’appartenenza e di adesione al progetto educativo della Scuola;
- sicura professionalità nell’ambito delle competenze: disciplinare, didattica e ricerca;
- disponibilità alla collaborazione, allo scambio di esperienze, al dialogo, alla lealtà, alla fiducia reciproca, ad un continuo ed adeguato aggiornamento.

GENITORI 
Sono i primi responsabili dell’educazione dei figli, per tale motivo devono impegnarsi alla loro formazione rifiutando ogni delega educativa.
Sono chiamati a collaborare alla realizzazione del progetto educativo secondo la competenza che è loro propria e che si definisce nella partecipazione attiva alle iniziative della stessa; alla partecipazione degli organi collegiali e nel continuare ed intensificare, nell’ambito familiare, l’atmosfera costruttiva della Scuola. Sono altresì chiamati al rispetto delle norme e dei principi su chi si basa il Progetto Educativo.
Devono incontrarsi e imparare a dialogare insieme ai docenti nel superiore interesse dei figli e degli alunni e sono chiamati a collaborare con tutti i componenti della Comunità Educante per creare quel clima di accoglienza indispensabile per l’integrazione dei bambini.

PERSONALE NON DOCENTE E COLLABORATORI
Concorrono alla formazione del progetto educativo e condividono la convinzione che alla base di ogni scelta educativa, indipendentemente dal ruolo didattico, vi sia la proposta dei valori attraverso una testimonianza di vita impostata su rapporti interpersonali coerenti coi principi cristiani.

4- SCUOLE D’ISPIRAZIONE CRISTIANA PROMOTRICI DI DIALOGO E CONFRONTO

Il nostro Istituto agisce nella convinzione che ogni soggetto, preso singolarmente o nell’ambito della collettività, sia fonte di ricchezza formativa e informativa.

COMUNITA’ CIVILE E CORRESPONSABILITA’ ECCLESIALE 
La scuola cattolica, offrendo uno specifico servizio, risponde alle esigenze del tessuto sociale in cui opera. Contribuisce alla crescita morale, civile e spirituale delle diverse componenti ed educa al rispetto ed alla tolleranza. Essa si inserisce nel piano pastorale della Chiesa locale, partecipandovi con iniziative proprie. Fa parte della Federazione Italiana Scuole Materne e Federazione Italiana attività Educative appartenenti al Consiglio Nazionale Scuola Cattolica della Conferenza Episcopale Italiana; invita, infine, genitori, insegnanti e alunni a partecipare a gruppi ecclesiali per essere fermenti vivi di fede.

La nostra Scuola, volendo curare tutti gli aspetti che concorrono alla formazione della persona, non si accontenta solo che a livello didattico il bambino raggiunga risultati positivi, ma si impegna affinché ogni alunno possa maturare, secondo i doni ricevuti dal Signore, alla luce dell’insegnamento del Vangelo.


 








 

Copyright © by Parrocchia SS Faustino e Giovita - Modena Tutti i diritti riservati.